Una casa di design realizzata con 3 container navali

In Italia non è permesso costruire un immobile senza seguire le norme del piano regolatore, diverse da Comune a Comune. E’ infatti necessario seguire determinate linee guida, sia per ciò che riguarda lo stile architettonico, sia per ciò che concerne i metodi costruttivi. Anche chi è proprietario di un terreno edificabile, non può far di testa sua: le regole, anche in questo caso, vanno osservate. Peccato, perché guardando cosa accade in altre nazioni, più libere da normative restrittive per ciò che riguarda la costruzione di caseggiati, ville e appartamenti, si scoprono davvero idee ingegnose e belle da vedere.

Come nel caso che state per leggere: una casa di design, costruita utilizzando tre container navali. Il progetto architettonico, è dello studio danese Arcagency, ed è veramente un esempio di alto livello architettonico abbinato al riuso, in questo caso di comuni container, del tipo utilizzato per trasportare le merci sulle navi. A pensarci, non si immagina proprio che, quei cassoni amorfi, possano trasformarsi in qualcosa di abitabile e anche di funzionale, oltre che bello. Eppure…

interni

L’ingegno non conosce davvero limiti, e questo è uno dei casi migliori. Innanzitutto, la casa è immersa nella vegetazione, particolare non da poco. Il progetto poi, è stato eseguito seguendo tutte le linee aderenti ai criteri di sostenibilità, concetto da noi ancora oscuro ma molto sentito nei paesi scandinavi, che pongono molta attenzione all’ambiente, in special modo quando si parla di costruzioni edili.

Tutti i materiali utilizzati per costruire questo vero gioiello, sono completamente riciclabili e atossici e, inoltre, tutta la casa si monta e si smonta con estrema facilità. Per ciò che riguarda l’energia, è stato montato un impianto fotovoltaico, in grado di ottimizzare anche la raccolta di acqua piovana, con un abbattimento dei costi – anche per ciò che riguarda le emissioni di CO2 – pari al 50%, confronto alle costruzioni più recenti. Vediamo a pagina 2 le foto dell’interno.

Pagina 1 di 3

About Alessandro

Alessandro