LE 7 REGOLE PER PREPARARE UN TOAST PERFETTO

TOAST-PERFETTO

1- INTRODUZIONE

Si fa presto a dire toast, ma questa pietanza facile e veloce da preparare che ci salva quando andiamo di fretta o non abbiamo voglia di cucinare può assumere diverse declinazioni. È vero, basta tostare due fette di pane e farcirle con una fetta di formaggio e una di prosciutto e avremo comunque preparato un toast, ma sicuri di non poter fare di meglio?

Se vogliamo mangiare un toast a regola d’arte, non possiamo distrattamente farcire due fette di pane tostato ma dobbiamo fare attenzione ad alcuni semplici elementi che possono fare tutta la differenza e trasformare un semplice toast in un’esperienza gastronomica altamente soddisfacente. Perché anche se non abbiamo tempo o voglia di cucina, ciò non vuol dire che dobbiamo rinunciare al gusto e rimpinzarci con le prime cose che ci capitano a tiro solamente per placare l’appetito!

Vediamo insieme quali sono le 7 regole per preparare un toast perfetto e rivaluteremo questa pietanza scoprendo un nuovo livello di bontà.

PANE

1. Scegliere il giusto tipo di pane

Qual è il pane ideale da utilizzare per il toast? Quello in cassetta, soffice e a fette. Se scegliamo un tipo di pane diverso, dobbiamo fare attenzione a utilizzare delle fette non troppo sottili, che potrebbero rompersi, né troppo spesse che invece potrebbero non tostarsi bene. Il pane in cassetta si trova già pronto al supermercato ma si può anche preparare in casa, magari utilizzando farine integrali e/o aggiungendo pomodori secchi, olive ecc.

FARCITURA

2. Il ripieno

La seconda delle 7 regole per preparare un toast perfetto riguarda la farcitura. Qui possiamo sbizzarrirci, l’importante è scegliere ingredienti di qualità: si può puntare sul classico toast al formaggio e prosciutto oppure sperimentare con verdure grigliate e creme di legumi, per un’alternativa vegetariana.

FORMAGGIO-SUL-PANE

3. Posizionare il formaggio sul pane

Un toast può essere farcito con diversi tipi di formaggio, anche se i più utilizzati sono cheddar e fontina. Spesso in questa fase si compie un errore: si mette una sola fetta di formaggio. Se ne mettiamo due, una su ogni fetta di pane, non solo il sapore sarà più ricco ma il toast rimarrà più compatto a ogni morso.

SPALMARE-DEL-BURRO

4. Spalmare del burro

Un’altra delle 7 regole per preparare un toast perfetto è l’utilizzo del burro: spalmato su ogni fetta di pane darà al toast un gusto unico.

SCEGLIERE-LE-SALSE

5. Scegliere le salse

Che toast sarebbe senza le salse? Oltre a maionese e ketchup, però, è possibile preparare un toast a regola d’arte utilizzando anche altre appetitose salse, come senape, crema di grana padano, salsa yogurt ecc.

TOAST-DOLCE

6. Il toast dolce

Il toast perfetto può essere gustato anche nella versione dolce, ottimo per una colazione alternativa o una merenda golosa. Come farcirlo? C’è l’imbarazzo della scelta: burro e marmellata, banane e cioccolato, semplice crema di nocciole e farina di cocco, formaggio e miele, confettura e pezzi di frutta fresca. Il tocco finale che non guasta mai è una spolverata di zucchero a velo per guarnire e arricchire il sapore.

GIUSTO-LIVELLO-DI-TOSTATURA

7. Il giusto livello di tostatura

Il toast perfetto deve raggiungere una tostatura perfetta, cioè deve assumere un colorito dorato e una consistenza croccante ma leggera. Per ottenere questo effetto utilizziamo solitamente il tostapane, ma in questo modo rischiamo di far fuoriuscire la farcitura. Per mantenere tutti gli ingredienti al loro posto possiamo tostare invece il pane disponendolo in orizzontale su una piastra elettrica o, volendo, su una padella antiaderente.

Il segreto per una tostatura ad hoc? Tostare il pane anche all’interno, prima di farcirlo, tenendolo sul fuoco per non più di 4 minuti. Dopo la farcitura si può ripassare il pane sulla piastra per una manciata di secondi per poi mangiare un toast caldo e croccante. Seguendo queste regole, mangiare un semplice toast avrà tutto un altro sapore.

Pagina 1 di 1