Kokedama: il tuo giardino sospeso fai-da-te (il giardino da casa)

b

Quasi tutti sono in possesso di almeno una pianta in grado di costituire un vero e proprio arredo per il giardino di casa. Tuttavia, in Giappone è stata messa in atto una soluzione che fa in modo che tale elemento possa esserci senza la necessità di alcun vaso. Si chiama kokedama ed è estremamente apprezzata dai nipponici grazie ad un forte impatto dal punto di vista puramente stilistico.

Il termine kokedama deriva dalla fusione di due elementi piuttosto differenti tra loro. Infatti, koke ha il significato di perla e dama corrisponde a muschio. In pratica, la famosa pianta tipicamente nordica può essere utilizzata senza essere contenuta in alcun genere di vaso e sembrare come se fosse sospesa nell’aria. La tecnica non è valida soltanto per i muschi, ma anche per una lunga serie di esemplari vegetali. La mancanza di una base genera un elevato impatto dal punto di vista puramente visivo. VEDIAMO NELLE PROSSIME PAGINE LE FOTO DEL PROCEDIMENTO >>

d

Ma ora, vediamo come si può mettere in pratica la cosiddetta kokedama. Tra gli elementi fondamentali, non deve assolutamente mancare la realizzazione del substrato e un po’ di terriccio. Sono materiali che servono per creare un ottimo bonsai e risultano necessari per la creazione di una sequenza di palle umide, dalla colorazione tipica del terriccio, per l’appunto. Ognuno può scegliere la propria combinazione nella quale inserire questi prodotti, anche se di solito vengono adoperate tre porzioni di terriccio universale e una quarta apposita per il bonsai.

e

Dopo aver preso e mischiato i due prodotti, è necessario impastarli come se andassero a formare il preparato per una comunissima pizza. Bisogna aggiungere una quantità di acqua tale da rendere la palla consistente e molto somigliante alla plastilina. La sfera conclusiva serve per sostenere le radici della pianta e fare in modo che possa apparire come se stesse volteggiando nell’aria. Subito dopo la conclusione della realizzazione della pallina, bisogna applicare una serie di buchi, che devono essere occupati dalle radici delle varie piantagioni. Alcuni di questi piccoli rametti devono essere posti esattamente al centro della sfera.

f

A questo punto, la pianta è pienamente sistemata e bisogna porre del muschio intorno alla sfera. È necessario che venga ricoperta l’intera superficie occupata dal terriccio, con il taglio del muschio e la possibilità di non lasciare neanche un piccolo angolo libero. Al muschio possono essere aggiunti alcuni piccoli fili, il cui materiale è a discrezione di chi sceglie di inserirli. Dopo questi semplici e rapidi passaggi, la kokedama è stata realizzata con successo e chiunque può osservarla con il massimo dell’ammirazione e dello stupore. Può essere messa sia all’interno che all’esterno di un’abitazione e il guadagno dal punto di vista decorativo è indubbio.

Pagina 1 di 1