Il vecchio cellulare non buttatelo: ecco come trasformarlo in un vero antifurto

allarme-casalingo

Sponsored links

Risparmiare tempo e denaro pensando alla sicurezza del proprio spazio è possibile. Qui di seguito ecco due metodi efficaci e originali per costruire un allarme casalingo. Per il primo metodo è necesario un cellulare a tastiera e un altro o a tastiera o touch screen, una piccola asticella sottile di legno o compensato, due piccoli bulloni esagonali. Potete iniziare incollando lateralmente un bullone all´estremità dell´asticella. Una volta fatta questa operazione, poggiate l´asticella con il bullone sul tasto predisposto per la chiamata. Con un passaggio di nastro adesivo, di tipo isolante, l´asticella sarà salda al telefono.

In seguito da un bastoncino ricavate un pezzetto di circa un centimetro e legatelo a un filo isolante con un piccolo nodo a cappio, posizionandolo sul cellulare a tastiera in prossimitá del bullone. L´estremità del filo verrà incollata sulla porta, ad esempio, in modo che la sua aperturà permetterà di azionare l´asticella sulla tastiera del telefono posizionato sulla parte alta della porta.  

Il numero che verrà “chiamato” sarà quello di un secondo telefono, anche touch screen, che indicherà la situazione di pericolo.

Il secondo metodo, un  po´piú complesso, prevede queste componenti: 2 batterie AA e un loro supporto, un piccolo campanello di 3 volt, un interruttore, due cavi elettrici e una molletta per  i panni. Inizialmente private i cavi elettrici del loro rivestimento da un lato e avvolgete la parte di rame, sempre lateralmente, all´estremità della molletta (apertura): un cavo avvolto per ciascuna delle due estremità.

allarme-batteria-casalingo

Ricavate, in seguito, un tassello da una carta, ad esempio telefonica, plastificata, e foratela da un lato. Saldate le altre estremità del cavo, private di rivestimento, al piccolo campanello di 3 volt, Una estremità, e l´altra al supporto con le batterie incorporate, in modo da creare un unico dispositivo collegato alla molletta. Nella morsa della molletta sarà inserita la tessera, con la foratura verso l´esterno.

Successivamente incollate a un lato del supporto con le batterie un lato della molletta e il piccolo campanello sullo stesso supporto. Nel foro della tessera inserite con un nodo un normale laccio di tessuto. La tessera sarà sempre chiusa all´interno della molletta e il filo all´altra estremità sarà legato o incollato a una tessera, o cartoncino, fissato al muro, mentre il resto del dispositivo sará fissato sulla porta. Nel momento in cui verrá aperta la porta, la tessera a scatto uscirà dalla molletta azionando il campanello sul supporto con le batterie. Due metodi semplici che con un poca tecnica permetteranno la creazione di due casalinghi dispositivi di sicurezza, adatti a ogni tipo di tasca e di esigenza.

Inoltre in questo modo avrete la possibilità anche di riciclare quel vecchio telefono a tastiera che ancora molti di noi conservano per ogni tipo di emergenza, in fondo a qualche cassetto.  Importante è sempre prendere delle precauzioni quando si  lavora con l’elettricità ed evitare di  mettere una parte del circuito elettrico in luoghi a portata di mano di chi sta entrando, perché potrebbe romperla per disattivare l’allarme!

Un allarme in casa può impedire l’ingresso di malintenzionati, ma anche per avvisare, mentre si è occupati, se i bambini si avvicinano a zone off limits, proprio nel momento in cui si è distratti o si è impegnati nel fare altro. Questi due dispositivi semplici ed economici, allora, fanno al caso vostro.  

Pagina 1 di 1