Europa unita? Certo, basta percorrere un ponte!

resund-1

Non in molti conoscono il fatto che per raggiungere la Svezia dalla Danimarca non è obbligatorio servirsi del solo traghetto che attraversa lo stretto dell’Oresund ma che questo, può avvenire comodamente con la propria auto servendosi dell’ Øresund Bridge.

Eppure, il più lungo ponte strallato del Vecchio Continente è stato inaugurato esattamente nell’estate del 2000 con una cerimonia alla quale hanno partecipato Margherita II regina della Danimarca e il re di Svezia, Carlo XVI Gustavo. Realizzato dall’importante studio di architettura, il danese Dissing+Weitling, l’opera ha avuto un costo di circa tre miliardi di dollari e si pone come una delle infrastrutture più ciclopiche finora realizzate in Europa. Vediamo qualche foto da pagina 2.

resund-2
Il Ponte, opera dell’architetto Gerge Rotne, presenta dei dati significativi come la sua lunghezza di circa 16 chilometri che permettono il collegamento via terra tra questi due Paesi da Copenaghen fino a Malmö unite attraverso un autostrada a pagamento, una ferrovia a doppio binario e un tunnel sottomarino. Il Ponte Øresund è formato da un tratto iniziale con ben quattro corsie nella sua parte superiore mentre in quella inferiore corre il tracciato della ferrovia a due vie: è questo il vero nucleo del ponte che in questo tratto è lungo otto dei sedici chilometri e che è sorretto da una imponente struttura a tiranti che posano su piloni di cemento armato.

Il percorso degrada su di un’isola artificiale creata appositamente al centro dello stretto dell’Oresund per far partire da quel punto, il tunnel dove proseguono il cammino sia i mezzi su ruote che quelli ferroviarie che è la galleria sottomarina più lunga al mondo con i suoi oltre quattro chilometri che congiungono l’isola fino a  Malmö in Svezia.

resund-3

La creazione di questa isola artificiale che è stata battezzata con il nome di Peberholm e che è lunga circa quattro chilometri, ha permesso lo sviluppo e la tutela di un ecosistema marino e terrestre che ha trovato una ideale sede dove vivere senza pericoli.

Vero è che il Ponte Øresund non è l’unico anello che congiunge il continente con i Paesi del Nord, dal momento che esiste anche il ponte sul Grande Belt che offre un’altra via di comunicazione per il traffico veicolare e ferroviario, ma è pur vero che attraverso questa opera oltre tre milioni di abitanti delle aree Malmö-Copenaghen potranno sfruttare in modo ideale i loro traffici grazie alla notevole riduzione del tempo necessario per andare da una parte all’altra, favorendo in questo modo lo sviluppo di una zona che è divenuta il fulcro del Nord Europa per affari e relazioni commerciali.

resund-4
Il ponte può essere idealmente così  suddiviso: i primi 7.800 metri sono quelli che conducono da Lernacken (stiamo nella parte meridionale di Malmö) sopra all’ Øresund.

Oltre 5.300 metri si snodano in territorio svedese e sono caratterizzate da un pilone dal quale partono i tiranti, altro oltre duecento metri. Arrivato a Peberholm, l’isola artificialmente realizzata, il cammino si inoltra sotto le viscere della terra e del mare per oltre 4.000 metri per riemergere nelle vicinanze di Copenaghen all’altezza dell’aeroporto Kastrup.

Pagina 1 di 1