COME RICICLARE I CARTONI DELLA CARTA IGIENICA

1- INTRODUZIONE

CARTONI-CARTA-IGIENICA-2

Sponsored links

L’arte del riciclo creativo non conosce confini né limiti: ecco perché potresti rimanere sorpreso nello scoprire che, tra i tanti oggetti che puoi riciclare in casa, ci sono perfino i cartoni della carta igienica. E non sono poche le idee che puoi mettere in pratica: vediamo, allora, in che modo si può evitare di gettarli nella spazzatura per destinarli ad impieghi senza dubbio più utili e più interessanti.

1- Una prima idea può essere quella di sfruttare il cartone cilindrico come un contenitore: non devi fare altro che posizionarlo in verticale, per esempio su un tavolo o su una scrivania, per poi adoperarlo come un porta penne. Nulla ti vieta, ovviamente, di decorarlo come vuoi: per esempio con dei legnetti o dei rametti che gli conferiranno una stabilità superiore.

2- Un’altra idea interessante è quella che prevede di usare il cartone cilindrico per tenere in ordine i cavi e i fili: basta ripiegarli al suo interno e il gioco è fatto.

CARTONI-CARTA-IGIENICA-4

3- In generale, il cartone della carta igienica si dimostra davvero pratico per organizzare la scrivania di uno studio o quella della camera dei bambini: volendo, è possibile attaccarne con un po’ di colla più di uno sulla base di una scatola, per poi riempirli come meglio si crede.

4- Non solo: il cartone della carta igienica è perfetto anche in cucina, magari per accogliere le posate o perfino per dare vita ad un segnaposto in occasione di una cena speciale. Con un po’ di creatività lo si colora in modo originale e gli ospiti rimarranno davvero stupiti.

CARTONI-CARTA-IGIENICA-6

5- Chi ha un telefono cellulare sempre in mano e non sa dove metterlo può tagliare in senso obliquo un cartone della carta igienica e poi praticare un’incisione più o meno a metà: servirà per accogliere lo smartphone.

6- Naturalmente, il cartone della carta igienica è a disposizione anche di chi si dedica al giardinaggio: è sufficiente riempirne uno con un po’ di terriccio per poi mettervi due o tre semi e trasformarlo in un vaso sui generis, almeno fino a quando la pianta non sarà cresciuta troppo.

Pagina 1 di 2