Come fare un orto urbano in poco spazio: 11 trucchi

1 – Introduzione

Sponsored links

Negli ultimi anni si sta incrementando il fenomeno dell’orto urbano che interessa non solo le grandi città metropolitane ma anche le città più piccole. L’idea di un’oasi di verde, dalla quale trarre anche ortaggi e frutta di stagione piace a tutti, a grandi e piccini e anche agli anziani che ritrovano lo spirito di coltivare la terra e trarne dei frutti. Per creare un orto urbano non serve tanto terreno disponibile ma solo tanta buona volontà e una buona dose di creatività. Vediamo come.

2 – Progettare lo spazio

Lo spazio è poco ma deve essere adeguatamente valorizzato. Come? scegliendo le piante giuste. Non tutte le piante necessitano di grandi spazi ma è altrettanto vero che molte specie non sono adatte agli spazi necessariamente ristretti di città. E attenzione ad altri elementi importanti come il clima e l’esposizione alla luce che possono condizionare negativamente o positivamente la crescita delle piante. CONTINUA DA PAGINA 2 >

3 –  Sfruttare bene le risorse disponibili

Tutto è utile. Anche una striscia di terreno apparentemente insignificante può essere importante per  coltivare erbe aromatiche da usare in cucina. Timo, rosmarino,basilico, salvia e molte altre erbe officinali sono ottime per insaporire le pietanze ma anche utili rimedi fitoterapici per il benessere dell’organismo.

4 – Un bel giardino (e non solo)

Un orto urbano deve essere certamente bello da vedere ma anche pratico e funzionale. Perchè il raccolto e i frutti siano abbondanti e soddisfacenti per tutta la famiglia bisogna puntare anche sulla praticità e su soluzioni efficaci ed efficienti.

5 – Sfruttare lo spazio in verticale

Come sono nati i grattacieli nelle grandi città? Perchè non potendo svilupparsi in estensione…lo facevano in altezza! Questa è la linea guida che ci deve ispirare. Sfruttare al massimo lo spazio in verticale con piante rampicanti o varietà vegetali che si adattano a crescere in altezza.

6 – Pianificare le coltivazioni

Organizzate le coltivazioni in modo da avere il raccolto scadenzato nel tempo. Controllate quanto tempo passa dalla semina al raccolto in modo da non avere sovrabbondanza di raccolto che comporterebbe anche sprechi.

7 – Scegliete bene le varietà

Anche all’interno di una medesima specie ci sono differenti varietà. I pomodori non sono tutti uguali, così come le zucchine o i cetrioli. Scegliete bene le varietà a seconda delle vostre esigenze e delle vostre finalità: se a esempio avete difficoltà di irrigazione, scegliete una varietà che richiede poca acqua.

8 –  Un orto urbano sul tetto? Sì è possibile

Il tetto sembrerebbe lo spazio ideale per l’orto urbano. Ben illuminato, spazioso…ma attenzione perchè il peso della terra bagnata potrebbe comportare danni strutturali non indifferenti. Sul tetto scegliete coltivazione in vaso e comunque affidatevi a un esperto che possa farvi una verifica dell’idoneità della struttura e del progetto di orto.

9 – Attenti alle specie che possono andare nel terreno o nel vaso.

Tutto è una questione di radici. Pe ri vasi scegliete piantine che non hanno radici importanti, tenendo conto anche del fatto che poi le piantine crescono. Per il terreno..beh potete anche allargarvi!

10 – Una buona irrigazione è fondamentale

Sappiate che l’acqua è fondamentale per la crescita del vostro orto. Purchè nella misura giusta per ogni varietà.

11 – Sfruttare tutte le stagioni

Chi lo ha detto che solo d’estate si può avere un buon raccolto? D’inverno si possono avere cavoli,  broccoli, carciofi…il vostro orto urbano sarà ricco 365 giorni all’anno!

12 – Migliorare l’efficienza della coltivazione

Seguite bene il vostro orto dalla semina fino al raccolto. Tutte le fasi sono importanti, nessuna esclusa.

Pagina 1 di 1