Dopo aver letto questo articolo non getterai più i gusci delle uova ..

gusci-delle-uova

Sponsored links

Spesso “sapere” le cose non è sufficiente, soprattutto quando alla “conoscenza” non si fa seguire l’esperienza. Che il guscio dell’uovo sia ricco di calcio, infatti, lo sentiamo dire da sempre, ma che quel calcio, che, come è noto, è il principale elemento chimico di cui è costituito l’apparato scheletrico, possa essere facilmente assunto per il nostro benessere non è altrettanto ovvio.
Il guscio dell’uovo è, inoltre, ricco di ferro, rame, manganese, zinco, fosforo, fluoro e cromo e possiamo, dunque, affermare che è una vera e propria “bomba” naturale ricca di minerali, i quali, tra l’altro, per la loro particolare composizione pressoché identica a quella degli stessi elementi presenti nel nostro organismo, sono facilmente assorbibili.

Il calcio possiede proprietà ormai universalmente riconosciute: previene l’osteoporosi, contribuisce a tenere sotto controllo il colesterolo e la pressione arteriosa, regola, il battito cardiaco e, se assunto in dosi sufficienti, stimola il midollo osseo a produrre  le cellule del sistema immunitario.
Purtroppo alcune cattive abitudini dello stile di vita attuale, fumo, alcool e cattiva alimentazione, contrastano il corretto assorbimento del calcio e, più in generale, dei minerali ed è, dunque, molto importante assurmene la giusta quantità al fine di evitare spiacevoli soprese.

uova

La medicina naturale, che, con il tempo, sta dimostrando di essere molto efficace, tant’è che conta, ormai, molti appassionati, consiglia di assumere da 1,5 g a 3 g al giorno di guscio d’uovo sbriciolato, soprattuto in certi periodi della vita, come la menopausa o la gravidanza per le donna, in cui ce n’è particolare bisogno. Vediamo, quindi, come realizzare facilmente con le nostre mani tre preparati molto utili per la nostra salute.

1) Sciroppo per la tiroide

Ingredienti

  • 8 gusci d’uovo
  • 2/3 limoni
  • 1 kg di miele
  • 1 litro di grappa o alcool

 

Procedimento

  • Frantumare i gusci d’uovo in un mortaio finché non si è ottenuta una polvere simile alla farina.
  • Spremere i limoni e versare il succo ottenuto sui gusci sbriciolati, ricoprendoli completamente, e lasciare il composto in frigo per 7 giorni. Gli acidi contenuti nel succo di limone scioglieranno la “farina di gusci”.
  • Aggiungere il miele e la grappa, quest’ultima serve per impedire che gli ingredienti si alterino, e mescolare bene.
  • Lasciare riposare altri 7 giorni prima del consumo. IL PROCEDIMENTO CONTINUA A PAGINA 2 >>>
Pagina 1 di 2