Arrivano i semafori speciali per gli smartphone-dipendenti

SEMAFORI-SPECIALI-1

Sponsored links

Che gli smartphone possano causare dipendenza è un dato di fatto. Non sono in molti, infatti, i possessori di cellulari di ultima generazione che riescono a non rimanere tutto il tempo incollati davanti al monitor, tra pagine social, chat ecc. La maggior parte di noi, invece, trascorre ogni minuto libero passando da una pagina all’altra, da un messaggio alla condivisione di uno status, indipendentemente da dove ci troviamo.

Se un po’ di sano svago su Internet non ha mai ucciso nessuno, ancora meglio se sul divano di casa dove non si corrono pericoli, è pur vero che alcune persone rasentano il patologico non staccandosi mai dal cellulare, neppure nei momenti meno opportuni. Mentre guidano, per esempio e si ritrovano con una mano sul volante e una sul display per digitare un messaggio che, siamo certi, sarebbe possibile inviare una volta parcheggiata l’auto senza provocare danni “irreparabili” a nessuno.

Semaforo-evidenza

Altrettanto pericoloso è camminare per strada con gli occhi incollati allo smartphone: basta fare un giro e osservare la gente per vedere almeno un paio di esemplari di persone di questo tipo, che passano per la via senza mai alzare lo sguardo dal display. I rischi possono essere di lieve entità, per esempio quando si urta accidentalmente un altro passante, ma anche ben più gravi: attraversare la strada senza guardare, per esempio, è estremamente pericoloso.

Non sono pochi i casi di persone che proprio per questo motivo sono state investite da auto in corsa, autobus, tram ecc. e qualcuno ci ha anche rimesso la vita, il tutto per una disattenzione imperdonabile ma soprattutto assolutamente evitabile. Uno dei casi più recenti è quello di una quindicenne rimasta vittima di un incidente mortale a Monaco, investita da un tram mentre attraversava la strada guardando il suo cellulare e non rendendosi conto dell’arrivo del convoglio. Continua a pagina 2.

Pagina 1 di 2